LE DOMANDE PIU’ FREQUENTI (F.A.Q):

In questa pagina ci sono le domande più frequenti che sono state formulate presso la nostra segreteria. Se la tua domanda non trova risposta tra queste, compila e invia il form quì a destra. Riceverai risposta nel più breve tempo possibile.

CON CHE QUALIFICA INSERIRE UN TESSERATO CHE NON FA PARTE DEL CONSIGLIO DIRETTIVO ?

La qualifica socio (SSO/DSO) va assegnata ad un dirigente della società che non fa parte del consiglio direttivo; se la tessera su cui è presente la qualifica SSO/DSO è NA (non atleta), ha la stessa durata della affiliazione della società. Se invece la tessera è AT (atleta), la validità è quella della prima disciplina sportiva indicata sulla tessera.
Per l’allenatore che fa parte del direttivo, indicare la qualifica di responsabile tecnico (RTS)

 

COME GESTIRE IL PASSAGGIO DI UN DIRIGENTE DA UNA SOCIETA’ SPORTIVA CSI AD UN’ALTRA CSI ?

Un dirigente che non fa parte del consiglio direttivo (DSO/SSO) può espletare tale qualifica in più società CSI.
Diversamente, se fa parte del direttivo, non può ricoprire la stessa carica in due società CSI diverse (esempio: il presidente della società A non può anche essere presidente della società B)

 

QUAL E’ L’ETA’ MINIMA PER ESSERE DIRIGENTI E ALLENATORI ?

Per gli allenatori e dirigenti, devono avere compiuto la maggiore età (altrimenti non possono essere considerati “accompagnatori”, soprattutto nei confronti di minori).

TIPOLOGIA (Agonistico/Non Agonistico)

Agonistico
ATLETICA LEGGERA, al compimento dei 12 anni
CICLISMO, al compimento dei 13 anni
BMX e TRIAL, al compimento dei 7 anni
GINNASTICA ARTISTICA, al compimento degli 8 anni
GINNASTICA RITMICA, al compimento degli 8 anni
JUDO, al compimento dei 12 anni
KARATE, al compimento dei 12 anni
NUOTO, al compimento degli 8 anni
TUFFI, al compimento dei 9 anni
SCI ALPINO, al compimento degli 11 anni
TENNISTAVOLO, al compimento degli 8 anni
CALCIO (11,7,5), al compimento dei 12 anni
PALLAVOLO, al compimento dei 10 anni
PALLACANESTRO, al compimento degli 11 anni
Tutte le altre discipline agonistiche al compimento dei 12 anni

Esempio:
Se al momento di fare il certificato medico, un ragazzino ha 11 anni e dopo qualche giorno ne compie 12, deve farsi il certificato medico agonistico o non agonistico?
R) Agonistico

Chi ha il certificato non agonistico, quando compie 12 anni, deve sostituirlo con quello agonistico o resta valido fino alla scadenza naturale?
R) Al compimento dei 12 anni il certificato deve essere sostituito con quello agonistico

Non agonistico
ESCURSIONISMO/TREKKING
BILIARDO SPORTIVO
BOCCE
BOWLING
BRIDGE
CICLOTURISMO e FREEBIKE
DAMA
DANZA ARTISTICA e GRUPPI DI BALLO
FLYING DISK
GOLF – MINIGOLF
MARCE E PODISTICHE NON COMPETITIVE
NORDIC WALKING
PARKOUR
PESCA SPORTIVA
SCACCHI
TCHOUKBALL
TIRO (tiro a segno, tiro a volo)
TIRO CON L’ARCO
TWIRLING
YOGA

Le attività organizzate e svolte da una società sportiva esclusivamente per i propri tesserati (es. tornei interni, attività di ginnastica, giochi e gare sociali, ancorché utilizzino supporti “tecnici”, ad esempio gli arbitri, del Comitato territoriale CSI)

Feste sportive, attività estemporanee ed occasionali, di carattere ludico e promozionale, anche svolgentisi in più giorni (sino a sette).
Se l’attività prevede una classifica, il certificato deve essere agonistico.

Attività per disabili: L’attività per disabili è non agonistica. In merito alla tutela sanitaria e alla rispettiva certificazione medica per l’attività non agonistica dei disabili, si fa riferimento a quanto stabilito dalle rispettive Federazioni all’interno del CIP (Comitato Italiano Paralimpico).

L’attività degli arbitri e giudici di gara (AG)

 

VALIDITA’

Tutti i certificati medici di idoneità, salvo casi espressamente segnalati dal medico, hanno validità di 12 mesi dalla data del rilascio (essa non coincide quindi necessariamente con la durata della tessera del CSI) e devono essere in possesso della Società Sportiva prima del tesseramento dell’atleta e alla sua partecipazione alla attività sportiva. Gli stessi vanno poi conservati per cinque anni, a cura del Presidente/Legale rappresentante della Società Sportiva.

Attenzione: la tipologia di certificato medico necessario (o la eventuale esenzione) NON dipende dal codice attività segnalato sulla tessera associativa, bensì esclusivamente dal tipo di attività effettivamente praticata dal tesserato. Ad esempio, un tesserato con codice AM (attività motoria) che nella realtà pratica GIN (attività di ginnastica), è comunque tenuto ad avere il certificato previsto per questa ultima attività.

 

RESPONSABILITA

Se un atleta ha il certificato medico scaduto e si fa male giocando, la responsabilità ricade sul presidente? La società può inviare una mail (anche certificata) in cui ricorda all’atleta che sta scadendo il certificato sollevandola dal probabile infortunio con certificato medico scaduto?
La responsabilità del certificato medico sportivo è del presidente della società che lo deve tenere agli atti per 5 anni.
Se l’atleta tesserato esplica attività con un certificato scaduto e si fa male, la responsabilità è del Presidente della società; la mail (anche se certificata) non lo esime da tale incombenza.

Per tesserare un atleta al CSI e’ necessario identificarlo, ossia avere i suoi estremi: cognome, nome, luogo e data di nascita (oltre ovviamente al certificato medico sportivo idoneo). Se il documento che si ha in possesso risponde a questi requisiti, allora il documento di riconoscimento è valido e, dunque, puo’ essere tesserato.

Per tutti i dettagli consultare le norme di tesseramento

D) Una società che ha alcune atlete che giocano in FIPAV ma non in CSI, possono essere tesserate con un’altra società affiliata al CSI Padova ?
R) Le atlete FIPAV che non sono tesserate col CSI, possono andare a giocare ovunque (ovviamente nel rispetto delle categorie e serie agonistiche previste da “Sport in Regola”, con nulla osta ed entro le date stabilite).

Gli atleti tesserati alla FIGC (per il calcio a 11 o calcio a 5) non possono giocare col CSI, con le seguenti eccezioni:

a) I tesserati nelle categorie “Allievi” (che abbiano compiuto però 16 anni) e “Juniores” non sono sottoposti a vincoli, a limitazioni e ad obblighi.
b) Possono partecipare all’attività CSI per il:
Nel Calcio a 5 maschile:
– i tesserati FIGC di calcio a 5, con esclusione degli atleti di Serie A, B, C1 e C2;
– i tesserati FIGC di calcio a 11 dalla Promozione, Prima Categoria, Seconda Categoria, Terza Categoria;
Nel Calcio a 11 maschile:
– i tesserati FIGC di calcio a 11 di Terza Categoria;
– i tesserati FIGC di calcio a 5 di qualsiasi Serie o Categoria;
c) Gli atleti tesserati alla FIGC possono disputare contemporaneamente attività sia in CSI sia in FIGC considerate le limitazioni di cui al precedente comma.
d) Gli atleti “svincolati FIGC” possono prendere parte all’attività del CSI qualsiasi sia la Serie o Categoria federale di provenienza.
e) Possono prendere parte ai Campionati CSI anche gli atleti federali non “svincolati”, purché gli stessi:
– Non abbia mai preso parte ad alcuna gara della stagione federale in corso;
– Oppure dal 31 dicembre* non prendano più parte ad alcuna gara federale;

*Dall’ Ultima gara FIGC alla prima apparizione in CSI devono passare almeno 40 giorni

In caso di violazione delle norme relative al doppio tesseramento, si applica l’art. 62 del Regolamento di Giustizia sportiva CSI, a cominciare dal momento dell’infrazione ovvero dal momento in cui l’atleta si è trovato in posizione irregolare.
Le sanzioni disciplinari superiori a tre mesi comminate dagli Organi giudicanti della FIGC, hanno piena validità anche nel CSI (indistintamente dalla disciplina), fino allo scadere delle stesse. I tesserati FIGC, non atleti, ossia dirigenti federali, gli arbitri, i dirigenti ed i collaboratori nella gestione sportiva della società, i tecnici, ecc. possono prendere parte alle attività del CSI.

CAMBIO INDIRIZZO SEDE. COME CI SI COMPORTA CON LO STATUTO ?

Se il cambio di sede rimane dentro al comune, non é necessario fare nuovo statuto con conseguente registrazione.

 

ATTO COSTITUTIVO MANCANTE. COME FARE ?

Momentaneamente puo’ essere fatta un’ auto dichiarazione da parte del legale rappresentante in cui comunica la data di costituzione della società sportiva, ma successivamente è necessario recarsi dal notaio e rifare l’atto costitutivo.

Un dirigente con qualifica DSO (dirigente che non sta nel consiglio direttivo) può espletare tale qualifica in due società , in una con la tessera NA DSO ed in un’altra con la tessera AT

AFFILIAZIONE SOCIETA’

Società ASD

Se la società è ASD i documenti che servono sono:
Atto costitutivo
Statuto (con estremi di registrazione)
– Documento fronte/retro del presidente
– Certificato di attribuzione del codice fiscale / Partita IVA
– Verbale dell’assemblea in cui vengono definite le cariche societarie (obbligatorio Presidente, Vicepresidente)

Numero di tesserati minimi: 5 (tra cui il Presidente, vicepresidente e una terza carica)

Società NON ASD

Se la società non è ASD, quindi è un gruppo sportivo, i documenti che servono sono:
Atto costitutivo
Statuto (non serve registrarlo)
– Documento fronte/retro del referente del gruppo che avrà la funzione di Presidente

Numero di tesserati minimi: 5 (tra cui il Presidente, cioè il referente e altri 4 tesserati)

Vedi pagina dedicata

 

ATTO COSTITUTIVO MANCANTE. COME FARE ?

Momentaneamente puo’ essere fatta un’ auto dichiarazione da parte del legale rappresentante in cui comunica la data di costituzione della società sportiva, ma successivamente è necessario recarsi dal notaio e rifare l’atto costitutivo.

Quando si procede con il tesseramento di un atleta nuovo e si caricano la foto e il documento, alla fine della procedura di inserimento comprensiva anche del pagamento, va inviata una richiesta alla nostra segreteria (o per telefono o per mail a info@csipadova.it) di verifica di quanto inserito. La segreteria una volta eseguito l’opportuno controllo darà risposta positiva o negativa in merito. Se negativa, viene specificata la problematica riscontrata; se positiva si può procedere con la stampa della tessera comprensiva di foto.

Quando si procede con un rinnovo di un tesserato dall’anno precedente e questo aveva già la foto abilitata, se non viene modificato il profilo del tesserato non occorrerà richiedere la verifica. Basterà semplicemente stampare la tessera.

Se per qualche motivo fosse necessario modificare la foto o il documento del tesserato, sarà necessario richiedere alla nostra segreteria una nuova verifica.
Se il documento fosse cambiato perchè scaduto, oltre a caricarlo sarà necessario modificare manualmente i campi relativi al numero documento e data di scadenza. Va fatta richiesta la verifica da parte della nostra segreteria.

SE LA RISPOSTA CHE CERCAVI NON E’ TRA QUELLE CITATE, CONTATTACI E COMUNICACI DI COSA HAI BISOGNO: